UFF

Sbuffi? Prova a Cambiare!

ariel.jpg

Quante volte si dice “Non ne posso più!” in un lavoro, in una relazione, in una dieta,... o si sente il collega della scrivania accanto ripetere mille volte “Uff!”

E nel reiterare in continuazione questo lamento si crea un meccanismo di insoddisfazione e frustrazione crescente dentro chi lo pronuncia e in chi gli sta accanto, facendo sentire sempre maggiore delusione e avvilimento.  

Quante volte si desidera un cambiamento ma si teme di non avere mezzi e capacità per riuscirci e cosi ci si blocca per paura di fallire.

Il piagnucolìo però continua, mentre si è soli, o, più facilmente, con chi si ha intorno ogni giorno, il partner, un amico o un famigliare.

 

Ma davvero brontolare indica che si è giunti all’esasperazione? Ebbene no.

Sai cosa si fa quando davvero non se ne può più?

Si cambia!

Senza se e senza ma. Arrivati ad una situazione insostenibile si modifica tutto, si evolve! E non per scelta, non per coraggio, non per determinazione. Semplicemente perché si prende consapevolezza del fatto che la situazione è insostenibile e non si può fare diversamente. E’ a quel punto che si trova la forza di affrontare le difficoltà di fare colloqui per trovare un nuovo lavoro, o di lasciare chi non crediamo di amare, o di non mangiare quello spuntino che da solo vale mille calorie.

Il punto è che il lamento in sé non è altro che un circolo vizioso di un gioco che si fa, nel desiderio di attenzione, o di rimandare, perché quello che non si cambia è qualcosa che si accetta.

Le nostre azioni non fanno altro che riflettere i nostri pensieri. Ed è inutile chiedere alle azioni di cambiare se non chiediamo prima ai nostri pensieri di farlo!

Qualche volta non siamo responsabili della situazione in cui ci troviamo ma lo diventiamo se non prendiamo consapevolezza di volerla cambiare.

Solo se ci rendiamo conto di ciò che davvero vogliamo e non vogliamo per noi stessi possiamo trovare dentro di noi la spinta per l’accettazione o, al contrario, per il cambiamento.

 

Allora, oggi stesso, meglio non sprecare tempo per lamentele e sbuffi, che aumentano l’insoddisfazione senza portare alcun risultato migliorativo.

Ricordiamoci soltanto che, come disse lo psicologo statunitense William James, “quando dobbiamo fare una scelta e non la facciamo, questo è già fare una scelta!

 

 

Dott.ssa Annachiara Martini

Vincitrice del contest WeWantYou del mese di Febbraio 2021

email: annachiaramartini@martinicomm.it

Per Approfondire:

- Dimaggio G, Ottavi P., Popolo R., Salvatore G. “Corpo, immaginazione e cambiamento – Terapia metacognitiva interpersonale” Raffaello Cortina Editore